Tag Archives: Omegna

A “Io ho visto” il premio Omegna giovani

141130_D4N4799

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli studenti delle scuole superiori di Omegna hanno assegnato a Io ho visto il premio Omegna giovani 2014. Il premio “Della Resistenza” 2014 è stato invece assegnato a Giuseppe Catozzella con Non dirmi che hai paura  (Feltrinelli 2014). I premi sono stati consegnati il 29 novembre, al teatro sociale della città, dal sindaco Maria Adelaide Mellano. Dopo la lettura delle motivazioni (qui quella per Io ho visto) e la consegna dei premi il pomeriggio è stato animato da un vivace dibattito sui temi proposti dai due libri. Il giorno prima, sempre al teatro sociale, gli studenti avevano incontrato Pier Vittorio Buffa insieme all’assessore alla Cultura Alessandro Buzio. Dopo la scelta di Io ho visto  come vincitore del premio gli studenti del liceo artistico Gobetti hanno preparato una serie di lavori ispirati al libro: dipinti, elaborazioni fotografiche, fotografie che venerdì mattina erano esposti nel palco. Alcuni sono riprodotti nella galleria fotografica qua sotto.

141130_D4N4790.jpg141130_D4N4800.jpg141130_D4N4802.jpg141130_D4N4805.jpg141130_D4N4806.jpg141130_D4N4810.jpg141130_D4N4811.jpg141130_D4N4820.jpg141130_D4N4823.jpg141130_D4N4825.jpg141130_D4N4830.jpg141130_D4N4833.jpg141130_D4N4835.jpg141130_D4N4839.jpg

Con i lavori realizzati, accompagnanti dalle spiegazioni, gli studenti hanno preparato un filmato che è stato proiettato durante la manifestazione. Gli autori, guidati dagli insegnanti Cinzia Beltrami e Gloria Bornacin sono: Michele Accomasso, Paolo Barbieri, Serena Bertani Veneta, Giulia Cantaluppi, Angela Clemente Rosa, Alice Coveri, Federico Filippini, Ilaria Generelli, Pietro Gervasoni, Martina Gesualdi, Gnani Ivan, Michael Aron Leiter, Alex Paolillo, Marco Ravagnani, Alessandro Romeo, Arianna Scesa, Jessica Sottini, Denise Toto

 

“Essere qui per questo premio, essere qui perché Io ho visto è stato scelto da voi studenti, mi emoziona”, ha detto Pier Vittorio Buffa rispondendo alle numerose domande, “Mi emoziona perché questo libro è nato proprio indirizzato a voi, alla vostra generazione, per aiutarvi a non dimenticare, a sapere cosa è successo prima di voi, su cosa poggiano le fondamenta del nostro paese”.

Posted in News